Il “sapore di sale” sulla pelle - Omnia Salt
22169
post-template-default,single,single-post,postid-22169,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.7,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
sale e bellezza

Il “sapore di sale” sulla pelle

A molti di voi sarà capitato di tornare dalle vacanze al mare più carichi e riposati rispetto alla partenza. Sicuramente, sarà stato il meritato relax, sia del corpo che della mente, e soprattutto il fatto di aver staccato la spina per qualche settimana. Il maggior merito, però, è da attribuire al mare, in particolar modo all’effetto del sale e dello iodio contenuti in esso. Basti pensare che alle persone con problemi respiratori viene consigliato di fare brevi soggiorni in zone marittime per fare un “pieno di aria buona”. Inoltre, sono sempre più diffuse le haloterapie proposte da grandi centri benessere come le SPA. Si tratta di terapie in cui vengono somministrate, tramite inalazioni, determinate quantità di cloruro di sodio micronizzato per liberare le vie respiratorie da elementi nocivi per la propria salute.

In natura e in commercio troviamo numerosissime qualità di sale ma quelle davvero utili per il nostro organismo, oltre che sostenibili, sono il sale marino integrale e quello proveniente dal Mar Morto.

Come preparare “pacchetti di bellezza” con il sale

Appurate le proprietà benefiche e nutritive di questo prezioso minerale, bisogna capire anche come sfruttarlo a nostro vantaggio attraverso procedure ad-hoc e piccoli trucchetti.

Per preparare un “pacchetto di bellezza” fatto in casa, è opportuno fare degli step mirati. Per prima cosa bisogna fare un gommage, ovvero procedere all’eliminazione delle “pelli morte” e quindi preparare la pelle al trattamento stimolando la microcircolazione. Basta una mezza tazza di sale marino integrale, un cucchiaio di argilla verde, due cucchiai di olio vegetale di girasole e sei gocce di olio essenziale di cipresso. Applicare il preparato sulla pelle e massaggiare delicatamente per un paio di minuti. Con la pellicola trasparente da cucina avvolgete la parte delle gambe e dei glutei e lasciate agire il composto per 5 minuti. Alla fine, con una spugnetta rimuovete accuratamente il gommage. Con questa tecnica si procede all’eliminazione delle tossine dalle cellule e, allo stesso tempo, riattivando la microcircolazione sanguigna.

Il secondo passaggio da eseguire è quello riguardante gli impacchi di acqua salata. In pratica, in ogni litro di acqua bisogna aggiungere 20 grammi di sale integrale marino e poi immergere alcune strisce di cotone. Queste vanno applicate per almeno 10 minuti su tutto il corpo, per poi risciacquare abbondantemente.

Il terzo step è il bagno rilassante. Come si può ben intuire, bisogna immergersi per almeno un quarto d’ora in una vasca d’acqua calda in cui è stata sciolta una tazza di sale del Mar Morto. Questa tipologia di sale è dotata di una grande quantità di minerali, quali magnesio e potassio, grazie ai quali sarà possibile svuotare i tessuti, contrastare la ritenzione idrica, depurare l’organismo e svolgere un’azione antinfiammatoria.

Il quarto e ultimo passaggio riguarda il massaggio. Per svolgerlo in maniera ottimale bisogna preparare un olio corpo a base di minestra di olio vegetale di girasole (due cucchiai), una goccia di olio essenziale di cipresso e una di ginepro. Una volta ottenuto il composto, si procede al massaggio con delicati movimenti circolari per almeno 15 minuti sia sulla zona cosce che su quella dei glutei.

Da sottolineare che il sale stimola anche il buon umore, grazie all’azione dello iodio nell’aria.

No Comments

Post a Comment