Il sale come rimedio contro la cellulite - Omnia Salt
22166
post-template-default,single,single-post,postid-22166,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.7,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
il sale come rimedio contro la cellulite

Il sale come rimedio contro la cellulite

Da qualche anno, si sta diffondendo rapidamente l’utilizzo del sale, non solo come conservante o disinfettante, ma soprattutto per le sue proprietà benefiche, drenanti e rimodellanti che procura alla nostra pelle. Pochi sanno, infatti, che questo prezioso elemento è un vero e proprio toccasana per la nostra cute, in grado di riattivare il processo di smaltimento del grasso concentrato soprattutto nella zona addominale, oltre a liberare il corpo da liquidi in eccesso. Grazie ai preziosi oligoelementi presenti nella struttura salina, è possibile anche curare l’antipatico problema della cellulite. Particolari tipologie di sale, come ad esempio quello himalayano, aiutano ad aprire i pori della pelle per far fuoriuscire i fluidi; oppure quello proveniente dal Mar Morto, ricco di magnesio e calcio, quindi adatto per chi ha problemi di cuscinetti; anche nel nostro Bel Paese è possibile reperire un sale “miracoloso”, quello di Cervia, ottimo per donare energia e vitalità al proprio corpo.

Il sale non è tutto uguale

Sono sempre di più i trattamenti cosmetici, sia professionali sia quelli fai-da-te, che ricorrono all’uso intensivo del sale. Non c’è niente di più appagante che assaporare l’effetto benefico di una doccia a base di sali marini, alternando cicli di acqua tiepida e acqua gelida. In questo modo si contribuisce alla riattivazione del flusso sanguigno e al dilatamento dei pori epidermici stimolando il metabolismo.

Purtroppo, la scarsa informazione e conoscenza induce le persone ad avere una visione negativa in merito al sale, sottovalutando le sue enormi proprietà. Da una parte, è vero che il normale sale marino raffinato è un prodotto contenente sostanze inquinanti ma, dall’altra, è anche vero che altre tipologie di sale, come quello himalayano, sono 100% naturali poiché provengono da mari che si sono asciugati milioni di anni fa. Essendo un sale marino integrale, che si è generato in epoche in cui le masse oceaniche non erano contaminate, contiene oltre 80 minerali differenti, tra cui calcio, zinco, rame, potassio e altri elementi antiossidanti, preziosissimi per il nostro sistema vitale.

Come preparare un peeling rivitalizzante

Per chi vuole cimentarsi con il fai-da-te nella preparazione di impacchi energizzanti a base di sali, basta eseguire piccoli accorgimenti. Il passo più difficile è trovare il sale più adatto alle proprie esigenze. Quello himalayano, ad esempio, non si trova facilmente nei supermercati. Ad ogni modo, la ricetta è semplice: tre cucchiai di sale dell’Himalaya, una giusta quantità di alghe marine, un cucchiaino di farina d’avena, 2 cucchiaini di olio di sesamo o mandorle o girasole e due gocce di olio essenziale di citronella.

Questo miscela di prodotti incentiva l’espulsione delle cellule “morte”, ossigenando la pelle. In particolar modo, l’olio di citronella, che viene estratto da una pianta erbacea, è in grado di ristabilire la compattezza dei tessuti grazie alle sue particolari proprietà disintossicanti. Si tratta di un trattamento di bellezza da fare a intervalli regolari per contrastare i cedimenti strutturali della pelle, rallentare l’invecchiamento cellulare, mantenendola sempre più giovane e compatta.

No Comments

Post a Comment